x
L'app di Fashion Files sarā disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Francesco La Rosa rivisita L'ultima Cena di Leonardo

Un omaggio ai 500 anni dalla scomparsa del genio leonardiano

Kidult for Action Aid

Se vuoi essere felice comincia...

Un incontro di stile, ironia e piacere: Iris Apfel e Magnum

L'icona della Moda Iris Apfel č il nuovo volto di Magnum

The Bridge e Vintag insieme per la TERRA

Economia circolare per dare nuova vita ad iconici accessori fashion

Alessandro Dell'Acqua annuncia sfilata N21 Co-Ed

A Milano a settembre passerelle congiunte per N21

Al via il Fashion Festival

Shopping experience imperdibile, aria di primavera e di festa

L’Estetista Cinica sbarca in Rinascente Tritone

Pop up store in Rinascente Tritone

Da Los Angeles le nuove tendenze Beauty

Intervista a Grazia Zuccarini

Fossil lancia una retrospettiva RI(E)VOLUZIONARIA

Arriva la Archival Series

Accordo fra tecnologia smartwatch Fossil e Google

Unione vincente per il business degli orologi 'wearable'

La coppia strategica

Il libro novitā per comprendere e ritrovare l'altra metā del cuore

Un'idea da polso per celebrare l'amore

Baroncelli Lady & Night by Mido

LOVE IS IN THE AIR

la coppia di Fragranze esclusive 1872 by Clive Christian

Moschino sfila a Roma

Il 2019 inizia con un grande fashion show a Cinecittā

Tiffany illumina Via della Spiga

L’amore fa brillare la strada-salotto della moda milanese

La migliore compagna di viaggio

LUMIX LX 100, metti la tecnologia sotto l'albero

Prima il Primer, please!


Chi ancora non lo conosce alzi la mano. E alzi la mano anche chi ha visto più di una volta il suo ombretto perfettamente sfumato ammucchiarsi tristemente nelle pieghe delle palpebre o creare l'odioso effetto panda. Il primer rappresenta un vero e proprio miracolo per risolvere queste questioni annose questioni “beauty”.Quante volte vi è capitato di realizzare sui vostri occhi un make up da urlo per un'occasione importante, per poi ritrovarvi a metà serata con la vostra piccola opera d'arte semi-distrutta?  Tutto ciò è inevitabile per via della consistenza degli ombretti che non sono lacche indelebili, ma semplici pigmenti che, mischiandosi col sebo prodotto dalla pelle tendono ad essere poco stabili e ad alterarsi, facendo così "crollare" il nostro paziente lavoro di stesura, sfumatura, etc.



A chi ha una pelle particolarmente grassa e ricca di sebo o anche semplicemente mista, ma in generale a tutte le donne attente al loro make up, si consiglia dunque l’uso del primer, un prodotto contenente micro-siliconi che vanno ad appoggiarsi sul viso; non entrano nei pori, ma si incastrano con altre particelle sulla superficie dell’epidermide per creare quasi una seconda pelle. Il suo scopo è quello di omogeneizzare l’incarnato, evitando i bruschi stacchi di colore tra volto e collo, ricercando sempre e solo l’uniformità della pelle, oltre che allungare considerevolmente l’effetto del trucco nonostante la temperatura, il sudore o gli sfregamenti.



Tutti i professionisti conoscono ed usano da tempo il primer e questo ha fatto si che si diffondesse l’idea che questo prodotto servisse solo per creare look impegnativi e complessi; per fortuna si sta ora diffondendo anche nelle “trousse casalinghe”, anche se, attenzione, il primer ha il solo effetto di levigare e illuminare il viso, ma non corregge le imperfezioni o le discromie per le quali bisognerà ricorrere al correttore o alle ombreggiature con diverse tonalità di fondotinta e terre. In commercio è possibile trovare quello apposito per gli occhi, per il viso e per le labbra. E’ importante non confonderlo con la base per trucco, in quanto quest’ultima, a differenza del primer, è colorata e leggermente appiccicosa, soprattutto funziona con un differente meccanismo: fa aderire il trucco alla superficie in maniera abbastanza stabile. Non opera quindi alcun effetto barriera tra trucco e sebo e quindi se non la si utilizza in maniera corretta si rischia di ottenere ugualmente il temuto effetto "ammucchiamento" nelle pieghe delle palpebre.
Infine va ricordato che l'uso del primer prima del fondotinta permette di utilizzare una quantità minore di prodotto e questo è importante, perché, soprattutto per la pelle matura vale ancor di più il celebre detto lessi is more: meno make up si usa e meglio è, per garantire una lunga e giovane vita alla nostra pelle!





invia ad un amico