x
L'app di Fashion Files sarā disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Accordo fra tecnologia smartwatch Fossil e Google

Unione vincente per il business degli orologi 'wearable'

La coppia strategica

Il libro novitā per comprendere e ritrovare l'altra metā del cuore

Un'idea da polso per celebrare l'amore

Baroncelli Lady & Night by Mido

LOVE IS IN THE AIR

la coppia di Fragranze esclusive 1872 by Clive Christian

Moschino sfila a Roma

Il 2019 inizia con un grande fashion show a Cinecittā

Tiffany illumina Via della Spiga

L’amore fa brillare la strada-salotto della moda milanese

La migliore compagna di viaggio

LUMIX LX 100, metti la tecnologia sotto l'albero

TEXTURE & COLOURS

L'inverno di Alessi č colorato

Signorina in Rosso

L'iconica fragranza Ferragamo cambia colore

Love Design. Fight AIDS

Continua anche nel 2018 la collaborazione di Alessi con (RED)

IED for Malta

La creativitā IED colora Malta

A Milano come in una fiaba ...

Parte il Natale di Intimissimi con Chiara Ferragni

Con Lipu per la Natura

Prendiamoci cura di noi e del mondo

Scatti di Cinema & Moda a Firenze

Vernissage glamour e grande successo per la mostra fotografica durante Pitti Immagine 2018

TAMMY E IL BENESSERE DEL SONNO

Il materasso ha un new look ed č tutto Made in Italy

Design SOFT & STRONG

Il Design č Double face

Addio Krizia


 
 
È lutto nel mondo della moda: Maria Mandelli, nota a tutto il mondo come Krizia è morta. Lo apprendiamo da un comunicato ufficiale di M.M.K spa in cui si spiega che ieri “alle 21 è improvvisamente venuta a mancare”.
 
Mariuccia, per gli amici, è nata a Bergamo 90 anni fa e a gennaio ne avrebbe compiuti 91.
Il suo stile controcorrente e il gusto per quei materiali insoliti, gomma o sughero, le resero il nomignolo di ‘Crazy Krizya’ per la stampa d’oltre oceano.
 
I primi capi confezionati in un piccolo laboratorio sono semplici e dalle linee pulite, al contrario della moda di quel momento. Nel 1971 stupisce tutti con una collezione di shorts vertiginosi che le valse il premio ‘Tiberio d’oro’.
 
Lei che sentiva stretta la cattedra di insegnante e sentiva che il suo destino erano le passerelle più importanti di tutto il mondo, non fu solo una sognatrice ma una donna capace di esportare un modello di eleganza Italiana d’eccellenza tanto da meritare, nel 1986, l’onorificenza di Commendatore.
 
Negli ultimi momenti il marito, Aldo Pinto, coetaneo, era al suo fianco. I funerali si svolgeranno mercoledì, alle 11, nella chiesa di Sant'Angelo in via della Moscova nel capoluogo lombardo.


invia ad un amico