x
L'app di Fashion Files sarà disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Elisabetta Canalis in Intimissimi Ultralight with Cashmere

Un tuffo nel 1984 con al polso la Bioceramic Swatch

L’estate è più cool con SwatchPay!

Arriva la prima collezione IKEA streetwear

Angèle e i suoi occhi protagonisti in Chanel

Il fenomeno Primark conquista l’Italia

nuovo e suggestivo store Veralab nella Città Eterna

La rivoluzione di Swatch continua con BIOCERAMIC

Coco Chanel incontra Geronimo Stilton

La special collection Swatch che celebra l'arte del MoMA

‘Le Asimmetrie del Tempo’ di Accademia Koefia

It’s DETOX TIME

Amore è ...una romantica colazione a letto

Milano Fashion Week Women’s Collection

Manila Grace e la sua Poppy bag

Il tempo dell'amore di Alviero Martini

Chapeau, Madame!


Cloches anni Venti, forme classiche rivisitate, baschi alla Greta Garbo e volumi azzardati alla Schiaparelli; ma anche modelli semplici e arditi realizzati con materiali poveri del tempo di guerra; e ancora toques, calotte fiorite, piume e velette anni Cinquanta, ballon di pelliccia e cappelli a larga tesa di fine anni Sessanta: ecco alcuni esempi degli 80 cappelli in mostra per Chapeau, Madame!

chapeau_madame_fashionfiles


Il percorso espositivo presso la Sala Tessuti di Palazzo Madama a Torino -dal 26 marzo 2014 al 1° marzo 2015- illustra la varietà delle forme di cappelli amate nell’arco di cinquant’anni e la loro storia. Da complemento abituale del vestire della signora del XIX secolo, ad accessorio indispensabile per le donne di ogni classe sociale nel Novecento, fino agli anni Venti,  quando il cappello segue da vicino il mutamento, con la libertà e la fantasia consentite dalla sua funzione puramente estetica, della donna e delle mode. Presi in prestito dalla collezione del Liceo Artistico Musicale “A. Passoni” di Torino, i cappelli sono un inno allo stile delle signore torinesi, note per l’eleganza aggiornata sul gusto internazionale. Donne che si servono da modisterie di alto livello come Vassallo e David, acquistano a Parigi presso le case più prestigiose: Caroline Reboux, Maria Guy e la Maison Lewis. Tutte le signore sono invitate a partecipare indossando un cappello, fascinator -piccolo cappello/decorazione stravagante- oppure con un’acconciatura.

chapeau_madame_fashionfiles

Tra le iniziative collaterali molto interessante è il progetto Storie di moda. I mestieri della moda a Torino 1860-1960, grazie alla collaborazione del pubblico, mira a creare un archivio di comunità sulle sartorie, le modisterie e le calzolerie torinesi. Accanto a Cerchi Alla Testa, il workshop a cura dell’architetto/artista Paola Galfione Barozzo, che si è tenuto il 23 marzo, durante il quale ognuno ha potuto tagliare, cucire, comporre ed elaborare il proprio cerchio alla testa, sotto la guida dell’artista. 


invia ad un amico