x
L'app di Fashion Files sarÓ disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







SVR celebra lĺAvocado day

La rivoluzionaria Swatch what if collection

I primi orologi quadrati di Casa Swatch

Sogno di una notte di mezza estate, a tavola

Sfila "Me, Myself and I"

Rose&Tulipani in tavola

ItalianitÓ, colore e stile

L'Occitane celebra l'Earth Day

Con il Balsamo solidale alla Verbena

Ai Caraibi senza passaporto? Si pu˛

Alla scoperta di Guadalupa e Martinica

Angelina Jolie e Guerlain Women for Bees

Urban Vision racconta il cammino delle donne

Breil svela la nuova campagna 'the Passengers '

In forma prima e dopo i 50 anni

VERSACE ALCHEMY ED arriva la bella stagione

Va in scena la Milano Fashion Week

Arriva la capsule GUESS ECO

i Metiers d'Art Chanel sfilano a Dakar

La rivoluzione Urban Fitness

La luce Ŕ' servita


“Non c’è verità se non quella contenuta negli ingredienti”. Queste le parole guida di un maestro dell’alta cucina, Massimiliano Alajmo. E questo è anche il principio, semplice e basilare, a cui fa riferimento la sperimentazione luminosa del designer Davide Groppi, 47 anni, di Piacenza, che con le sue originalissime lampade arreda e regala atmosfera ad alcuni dei ristoranti più prestigiosi (e stellati!) del Bel Paese.

Groppi si è affermato come uno dei più importanti “light designer” italiani. Semplicità, leggerezza, emozione, creatività: in ogni sua creazione è possibile riconoscere questi elementi. La luce nel piatto è diventata, negli anni, il tratto distintivo e il segno di riconoscibilità della sua opera. Nello stesso modo in cui il cibo passa dalla natura alla cultura attraverso il procedimento di cottura, le forme e la luce che lo presentano ai propri commensali ne ridefiniscono valore e significati. Davide Groppi crea con la luce, la manipola fino a farla diventare tridimensionale, pur lasciandola libera di apparire evanescente e lo fa grazie all’uso sapiente dei materiali e delle scelte prospettiche.
Al ristorate tristellato Le Calandre, dei fratelli Alajmo, Groppi ha pensato al cibo come un momento di incontro, di scambio continuo e di esperienze plurisensoriali: “Sedersi a un tavolo con un amico, sotto una bella luce, non è solo mangiare, ma è guardare, ascoltare, sentire, toccare e gustare”. Armonioso e accogliente, il ristorante di Rubano (Padova) è stato sapientemente realizzato con la stessa materia prima della cucina di Massimiliano Alajmo, ovvero i semplici “ingredienti”: luce, legno, vetro e ferro, lavorati dall’estro talentuoso di un selezionato team di artigiani italiani. Difatti non c’è nulla che rimandi ad uno stampo di tipo industriale: alta cucina e design dialogano mirabilmente in un connubio vincente che crea un ambiente di grande armonia e coerenza, in grado di istituire una relazione di pura identità tra cibo e atmosfera.



Qui la luce è un elemento puro che illumina l’indispensabile e per questo gli conferisce importanza e spessore. Il gomitolo di filo rosso che unisce ideologicamente la cucina alla sala, le poltroncine in pelle di Vitra, i calici in vetro di Murano soffiato a lume e lavorati a mano libera, le posate di Alessi, e le cravatte di Marinella dello staff fanno il resto.
Dalla cucina di Alajmo a quella di Massimo Bottura, la mano del light-designer è sempre quella di Davide Groppi: ha riaperto da poco, dopo alcuni lavori di ristrutturazione, la celebre Osteria Francescana di Modena, tre stelle Michelin, un vero e proprio tempio della cucina d’avanguardia. Qui, Groppi ha progettato l’illuminazione di ogni spazio con specifiche soluzioni per dare nuova definizione degli ambienti e carattere ad ogni stanza, così come i passaggi che le collegano. Alle pareti dipinti di Mario Schifano, Carlo Benvenuto, Giuliano della Casa, e altri artisti: pochi, selezionati pezzi che raccontano la bellezza e il modo di comunicare dello Chef. La luce ideata da Groppi è nel piatto e negli occhi delle persone, tutto è studiato nei minimi dettagli.



Luce necessaria. Pura. Atmosferica. Competente e ispirata. La ricerca di Davide Groppi rappresenta un raffinatissimo invito a godere pienamente del momento del convivio, assaporandone tutti gli aspetti grazie alla messa in gioco dei nostri 5 sensi. Un sincero senso di appagamento è la sensazione che pervade chi vive questi spazi, arricchiti, e al tempo stesso quasi spogliati, dal designer piacentino. Un maestro della luce che sempre di più dimostra come si possa interpretare la semplicità come una complessità risolta e l’illuminazione come piccola delizia sospesa.
 
- Valentina Di Domenico -
Fotografie “Osteria Francescana” di Paolo Terzi

invia ad un amico