x
L'app di Fashion Files sarà disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Le tante virtù dell’ananas

Arrivano le sneakers Manila Grace

Alviero Martini porta la Sardegna al polso

Obag for Ukraine

La primavera è a tutto colore!

La prima collezione Blumarine Fine Jewelry

YOGA DI PRIMAVERA con Hanro

GLI INCOTRI DI CHANEL COCO CRUSH

SWATCH E L'Arte contemporanea

Missione congiunta: Rosa Venere o Celeste Urano in BIOCERAMIC MoonSwatch

Il colore del 2022 è un blu pervinca

Per chi sogna New York e il suo eclettismo

Lo stile verde in casa di Sonia Santella

Un tuffo nel 1984 con al polso la Bioceramic Swatch

Arriva la prima collezione IKEA streetwear

Angèle e i suoi occhi protagonisti in Chanel

Questo è il tempo di Nefele


Filippo, Laura e Luca, tre ragazzi di Torino, sono i fondatori di Nefele, definibile come una vera e propria “nuvola digitale”. Nefele, personaggio della mitologia classica, il cui nome significa «nuvola», è la prima virtual influencer italiana in 3D computer graphics, nata dall’esigenza di dare voce alla diversità e al concetto di imperfezione su Instagram.

 

Il progetto Nefele è paragonabile ad un vero e proprio esperimento sociale su un mercato oramai sempre più orientato verso un concetto di omologazione. Punto fermo di Nefele è la consapevolezza che la diversità debba essere intesa come un particolare originale su cui soffermarsi e non da cui discostarsi.

 

L’elemento chiave del progetto è quello di portare i giovani e meno giovani ad affermare sé stessi, non raggiungere ciò che la società ha imposto loro come unica scelta possibile. È notizia dello scorso luglio, per esempio, che in Norvegia gli influencer sono stati obbligati per legge a segnalare il fotoritocco sui social, per provare a contrastare standard di bellezza irrealistici e potenzialmente nocivi per i giovani, alleggerendo la pressione sul corpo e sulle imperfezioni.

 

Nefele incarna perciò tutti quei valori che stiamo perdendo di vista, non ha un target specifico, si rivolge a tutti e incarna più che mai e paradossalmente  la realtà– essendo un soggetto creato digitalmente.. Nefele è il rifugio di chi nella diversità trova tranquillità. Sarà il punto di riferimento per chi vuole allontanarsi dall’ossessione di dover rincorrere freneticamente livelli sempre più alti per sentirsi accettati e apprezzati.


Ma chi sono gli ideatori di Nefele? 
 

Filippo Boschero, 32 anni, consulente strategico, MBA ESCP (Parigi, Berlino, Beirut): «Abitueremo il nostro pubblico a qualcosa di nuovo: Nefele sarà una donna che ha fatto delle difficoltà il suo punto di forza, affermerà la sua sessualità abbattendo preconcetti e gabbie mentali di una società che si decanta come “evoluta”».

 

Laura Elicona, 31 anni, digital project manager, Master 24 Ore Business School in Marketing Communication e Digital Strategy: «Nefele è elegante, perché l’imperfetto è sinonimo di grazia e raffinatezza. Nefele è una promotrice contemporanea di messaggi sani e socialmente rilevanti. Nefele è la nostra nuvola, un luogo digitale in cui puoi vedere ciò che vuoi e ciò che ti fa stare bene. Non ci sono né limiti né regole, Nefele ci permetterà di sentirci liberi da schemi mentali e pregiudizi».

 

Luca Facchinetti, 33 anni, expert 3D graphic designer: «Nefele è una sfida, perché ci dimostra ancora una volta e con forza che virtuale è reale e che dobbiamo avere cura delle nostre “identità digitali”, perché hanno un impatto significativo sulla nostra vita e sulla nostra quotidianità».




invia ad un amico