x
L'app di Fashion Files sarà disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Riccardo Braccialini tra visione e concretezza

Un intervista con il presidente dei pellettieri Italiani che ci svela i suoi sogni…

Milano diventa XL

Al via la ‘festa della creatività italiana’…

Dal 17 al 20 Settembre riflettori accesi su Mipel tra arte e creatività

Un’edizione speciale che rende omaggio a Andy Warhol..

Il fast fashion sbarca al lido

Il red carpet di Bianca Balti fimato OVS...

John Lewis e la Gender revolution!

Etichette neutre per bambini e bambine...

“LR100”: STORIES OF INNOVATION

100 ANNI DI RINASCENTE IN MOSTRA A MILANO

UN TEMPTATION WEEK END

Accendete le vostra passione al Resort Capo Boi

L’haute Couture ai tempi di Instagram

Quando la fashion week ce la raccontano gli insiders…

Louboutin debutta a Pitti

Il couturier della calzatura a Santa Maria Novella…

FRAGILE FIABESK al MILANO OFF

In scena fino al 18 giugno 2017 al MILANO OFF FRAGILE FIABESK di TEATRO DEL MONDO

LUCIO FONTANA SCULTORE: DALLA TERRA AL COSMO

In mostra a Milano fino al 20 giugno

I Digital Design Days tornano a Milano dal 1 al 3 giugno

Intervista a Filippo Spiezia: ideatore dell’evento digital più internazionale d’Italia…

I SETTE NODI DEL DESTINO

LA NUOVA EDIZIONE DEL BEST SELLER DI STEFANIA AMODEO

ARRIVA IL 'VENTO DEI FIORI'

Al via a Calvanico la I edizione de “Il Vento dei Fiori”

Met Gala 2017

Sfilata di stelle per la designer Rei Kawakubo...

Balenciaga vs Ikea?

La rivincita corre sul web…

A Matteo B Bianchi è apparsa la Madonna



di Andrea Vittoria Giovannini

È uscito ieri, in tutta Italia, il nuovo lavoro di Matteo B Bianchi presentato a Milano nella libreria Verso, un luogo accogliente dove ha raccontato alla stampa e al pubblico quest’ultima opera che molto si distanzia dalle sue precedenti produzioni scritte. Esordisce infatti con Generations of love nel 1999 per Baldini & Castaldi, che diventa un must have in tutte le librerie LGBT d’Italia, approda poi alla TV come autore di programmi di largo successo come Victor Victoria arrivando ad X Factor fino a E poi c’è Cattelan.
 
Mentre pedalo verso le colonne di San Lorenzo non faccio che chiedermi: Come si arriva a scrivere un libro in cui una delle protagoniste è la Madonna, e non la Ciccone? Arrivo in anticipo rispetto all’incontro fissato con la stampa, mi siedo all’esterno e spulcio le e-mail quando mi accorgo che siamo seduti l’uno accanto all’altra. Non posso non approfittarne per chiederlo direttamente a lui: “Io sono la persona meno spirituale che conosca quindi espormi in questo campo è un vero azzardo. L’idea mi era rimasta in testa da molto tempo e ho pensato fosse buona, in genere non prendo mai appunti per ricordarmi di soggetti che mi vengono in mente: se rimangono lì dopo molto tempo allora sono buoni e quindi mi metto a scrivere. È un libro che sento molto mio e che, onestamente, potevo scrivere solo io, sia in positivo che in negativo”.
 
Mi piace molto l’idea dell’amicizia raccontata tra due personaggi, uno umano e uno divino giocata però su pilastri che ci accomunano: “L’assunto del libro è ovviamente un fatto incredibile, di un’amicizia improbabile. Maria chiede a Betty, la protagonista del libro, di esserle amica per nessun motivo in particolare, vuole vedere come vivono le ragazze di oggi, conoscerne le banalità, come si vestono, cosa ascoltano. In qualche modo una Maria Osservatrice, non compie miracoli da commedia per strappare una risata. Mi divertono molto invece i momenti in cui si confrontano su temi più importanti come Facebook o gli alieni o mentre vanno da HnM e la Madonna esce con indosso un paio di jeans della nuova collezione”.
 
Il libro non è un insieme di luoghi comuni fatto di scene irriverenti, non è una love story, non è un racconto spirituale. È forse un escamotage narrativo per mettere uno specchio di fronte alla quotidianità delle nostre vite, a volte banali, a volte ripetitive, a volte poco intense. Uno spunto di riflessione per mettere più attenzione in quei momenti in cui capita di lasciarsi vivere dalla vita piuttosto che prenderla in mano e condurla dove noi vogliamo. Betty non stravolge la sua esistenza dopo questa apparizione, insomma…non si fa suora! Ma a chi legge può dare spunti per osservare la propria vita e magari trasformarla in qualcosa di interessante da raccontare nel caso in cui la Madonna apparisse di nuovo.


invia ad un amico