x
L'app di Fashion Files sarà disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Elisabetta Canalis in Intimissimi Ultralight with Cashmere

Un tuffo nel 1984 con al polso la Bioceramic Swatch

L’estate è più cool con SwatchPay!

Arriva la prima collezione IKEA streetwear

Angèle e i suoi occhi protagonisti in Chanel

Il fenomeno Primark conquista l’Italia

nuovo e suggestivo store Veralab nella Città Eterna

La rivoluzione di Swatch continua con BIOCERAMIC

Coco Chanel incontra Geronimo Stilton

La special collection Swatch che celebra l'arte del MoMA

‘Le Asimmetrie del Tempo’ di Accademia Koefia

It’s DETOX TIME

Amore è ...una romantica colazione a letto

Milano Fashion Week Women’s Collection

Manila Grace e la sua Poppy bag

Il tempo dell'amore di Alviero Martini

Lunga vita a Alexander McQueen


 
Sono passati solo sei anni dalla sua scomparsa e al suo nome si inchinano ancora tutte le teste coronate della moda mondiale. Era l’11 febbraio 2010 quando Lee Alexander McQueen, all’età di 40 anni, decise di togliersi la vita nella sua casa londinese lasciando il cielo dei designer senza una delle sue stelle più brillanti.
 
A breve la storia di quest’uomo visionario verrà sceneggiata e trasformata in un film che renderà omaggio al suo talento e alla sua persona proprio come accadde per la vita di Yves Saint Laurent o di Coco Chanel, giusto per citarne un paio. La notizia arriva dal sito Deadline Hollywood che svela anche il nome del regista: il 45enne Inglese Andrew Haig che sarà affiancato dal drammaturgo Cris Urch col compito di scrivere la sceneggiatura.
 
Il film sarà proprio basato sulla ricerca personale che Urch ha condotto sulla vita di McQueen con il supporto della biografia scritta da Andrew Wilson dal titolo Alexander McQueen: Blood Beneath The Skin, ossia sangue sotto la pelle. Tuttavia il libro sarà solo una fonte di ispirazione e il contenuto non sarà interamente basato su di esso.
 
Alexander era il più giovane di sei figli nati da un tassista e un’insegnate che vivevano nell’East London, sin da piccolo disegnava e realizzava abiti per le sue sorelle fino al vero apprendistato in Savile Row, nel cuore di Londra, prima di cominciare a frequentare i corsi della Central Saint Martins. Il suo genio creativo era già sulla rampa di lancio quando disegnò dei pezzi che David Bowie indosso nei suoi tour del 1996-97, di lì a poco diventò direttore creativo presso Givenchy prima di debuttare con la sua prima collezione e il suo marchio.
 
Di certo la sua vita fu colorata di successi ma anche di lunghe ombre fatte di dipendenze e legate alla perdita della madre che forse non aveva mai superato fino in fondo. Da quel tragico giorno di Febbraio 2010 l’industria della moda non fu più la stessa. Col suo lavoro creò bellezza, arte e una scia infinita di ispirazione per i futuri designer a venire lasciando un segno indelebile nella storia della moda.


invia ad un amico