x
L'app di Fashion Files sarà disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Elisabetta Canalis in Intimissimi Ultralight with Cashmere

Un tuffo nel 1984 con al polso la Bioceramic Swatch

L’estate è più cool con SwatchPay!

Arriva la prima collezione IKEA streetwear

Angèle e i suoi occhi protagonisti in Chanel

Il fenomeno Primark conquista l’Italia

nuovo e suggestivo store Veralab nella Città Eterna

La rivoluzione di Swatch continua con BIOCERAMIC

Coco Chanel incontra Geronimo Stilton

La special collection Swatch che celebra l'arte del MoMA

‘Le Asimmetrie del Tempo’ di Accademia Koefia

It’s DETOX TIME

Amore è ...una romantica colazione a letto

Milano Fashion Week Women’s Collection

Manila Grace e la sua Poppy bag

Il tempo dell'amore di Alviero Martini

da Nails Inc la manicure in fomato spray!


          
 
All’annuncio della notizia devo dire che non ho proprio intonato un gloria nell’alto dei cieli e non sono corsa a sgozzare l’agnello più grasso in sacrificio agli dei della manicure! Anche perché, sono vegetariana. Riflettendo più a fondo invece ho trovato che tutto sommato questa idea non è proprio male. Certo convincere una come me, devota allo splendore dell’unghia vera e all’eleganza dello smalto, che adesso le mie mani brilleranno per una bomboletta spray, manco fossimo tutte Bansky, non è certo così semplice. Devo però ammettere che anch’io ho avuto giorni in cui avrei usato volentieri questo magico congegno; poiché gestire il timing di una manicure fresca e perfetta è davvero un esercizio di stile e renderla una routine agevole può richiedere anni di pratica, bisogna prima pensare al colore da mettere, abbinarlo ad un outfit, a una scarpa, vestirsi, truccarsi, farsi un acconciatura decente e allora, solo allora passare alla verniciatura. Calcolando però di rimanere pressoché immobili almeno per 40 o 50 minuti superando in fine la tremenda prova del chiudere con le chiavi la porta di casa…ecco insomma, ammetto che ci sono stati dei giorni in cui il tempo utile per tutto questo è stato, come dire, carente. Quello che promette l’azienda inglese da anni sul mercato per l’estetica delle mani è di utilizzare il getto di ‘the paint can’ a 10-15 cm di distanza dopo aver comunque applicato una base trasparente. Vi domandate se il resto della mano si sporcherà? La risposta è: ovviamente si, ma a detta di Thea Green, fondatrice dell’azienda, basterà lavarsi le mani con acqua calda per rimuovere l’eccesso. Che dire, la bomboletta è tascabile quindi la porterei volentieri in vacanza dove le emergenze sono sempre dietro l’angolo, il costo è accessibile (intorno ai 15€) e secondo me un giro di prova va fatto anche se ancora la scelta dei colori è un po’ limitata: due nello specifico un argento satinato ‘Shoreditch Lane’ e un rosa baby ‘Hoxton Market’. Se poi hanno convinto una come Alexa Chung a prestare il volto per la campagna, un po’ di fiducia possiamo dargliela anche noi

invia ad un amico