x
L'app di Fashion Files sarā disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Francesco La Rosa rivisita L'ultima Cena di Leonardo

Un omaggio ai 500 anni dalla scomparsa del genio leonardiano

Kidult for Action Aid

Se vuoi essere felice comincia...

Un incontro di stile, ironia e piacere: Iris Apfel e Magnum

L'icona della Moda Iris Apfel č il nuovo volto di Magnum

The Bridge e Vintag insieme per la TERRA

Economia circolare per dare nuova vita ad iconici accessori fashion

Alessandro Dell'Acqua annuncia sfilata N21 Co-Ed

A Milano a settembre passerelle congiunte per N21

Al via il Fashion Festival

Shopping experience imperdibile, aria di primavera e di festa

L’Estetista Cinica sbarca in Rinascente Tritone

Pop up store in Rinascente Tritone

Da Los Angeles le nuove tendenze Beauty

Intervista a Grazia Zuccarini

Fossil lancia una retrospettiva RI(E)VOLUZIONARIA

Arriva la Archival Series

Accordo fra tecnologia smartwatch Fossil e Google

Unione vincente per il business degli orologi 'wearable'

La coppia strategica

Il libro novitā per comprendere e ritrovare l'altra metā del cuore

Un'idea da polso per celebrare l'amore

Baroncelli Lady & Night by Mido

LOVE IS IN THE AIR

la coppia di Fragranze esclusive 1872 by Clive Christian

Moschino sfila a Roma

Il 2019 inizia con un grande fashion show a Cinecittā

Tiffany illumina Via della Spiga

L’amore fa brillare la strada-salotto della moda milanese

La migliore compagna di viaggio

LUMIX LX 100, metti la tecnologia sotto l'albero

La materia Cangiante


“In un pomeriggio di fine estate seduto in riva all’oceano, osservavo il moto delle onde e sentivo il ritmo del mio respiro, quando all’improvviso ebbi la consapevolezza che tutto intorno a me prendeva parte di una gigantesca danza cosmica (…) Sedendo su quella spiaggia, le mie esperienze precedenti presero vita; “vidi” scendere dallo spazio esterno cascate di energia, nelle quali si creavano e si distruggevano particelle con ritmi pulsanti; “vidi” gli atomi degli elementi e quelli del mio corpo partecipare a questa danza cosmica di energia; percepii il suo ritmo e ne “sentii” la musica; e in quel momento seppi che questa era la danza di Siva, il dio dei danzatori adorato dagli indù” da Il Tao della Fisica di Fritjof Capra

Un’energia che dal divino si sprigiona e si diffonde fino ad ogni forma di creazione e impegno, in primis il lavoro, che per Maurizio Pio Rocchi è in particolare quello della terra.

Musica danza e pittura si incontrano ne “La Materia Cangiante”. La mostra personale dell’artista, a cura di Francesca Barbi Marinetti che si terrà negli spazi espositivi dell’Art Gallery de Il Margutta RistorArte dal 26 Marzo al 5 Maggio 2014, si animerà la sera dell’inaugurazione con la performance “Tessitura dello svelamento” del pittore e la partecipazione della danzatrice Vanessa Valle.

la_materia_cangiante_fashionfiles

L’arte è una sorta di congiunzione tra spontaneità ed artificio, tra progettualità e accidentalità, sostiene Rocchi che attraverso le sue 25 tele cangianti – di grande medio e piccolo formato –, opere che sono Fratture, con forte ambivalenza simbolica, racconta agli spettatori la sua arte fatta di energie vitali e antropomorfe che alludono ad un mondo primigenio, ad un ritorno alla terra e al rapporto con essa. L’artista interpreta ogni trasformazione come un incontro foriero di potenzialità ed evoluzioni. In ogni trasformazione avviene un incontro e ogni incontro è foriero di nuove potenzialità ed evoluzioni. Può generare attrito, incomprensione, respingimento, indifferenza o guerra. Oppure può far nascere attrazione naturale e immediata che conduce a cambiamenti armoniosi. Ma il più delle volte mette in gioco una complessità di ingredienti contrastanti da comprendere, governare ed educare.

Il colore prende vita, grazie alla luce si dilata ed emana calore, preziosa fonte di ogni attività biodinamica. Colore e luce sulla tela rappresentano l’energia primigenia, la forza sfrontata della vita biomolecolare che pulsa per una nuova dimensione. Non una fredda lezione del concettuale ma un consapevole recupero di un tempo biologico.

La scelta di un ritorno alla vita agricola e la funzione vitale del rapporto con l’ambiente naturale sono chiari riferimenti per il lavoro creativo di Maurizio Pio Rocchi. Lo studio dei sistemi viventi evidenzia il ruolo determinante del tempo della trasformazione delle strutture molecolari e biologiche, nonché quello della forma nella relazione tra le specie. Viene così recuperato il valore della qualità e sottolineato il fondamentale apporto scientifico dell’estetica della natura.  


invia ad un amico