x
L'app di Fashion Files sarā disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Tinte pastello per i nuovi Swatch With if?

L'amore ha mille colori

Tempo di Sport & Body care

I due nuovi 'cuori' di Domori

Immersi nella tonalitā del 2024: Peach Fuzz

La spensieratezza di Juicy Couture

The art of Soul, Electrified

Slim e detox retreat

Loro Piana conquista Zermatt

Borsalino x Saint Laurent

La magia della montagna

Brillanti coccole

Colorati cocktail d’inverno

SVR celebra l’Avocado day

La rivoluzionaria Swatch what if collection

I primi orologi quadrati di Casa Swatch

Sogno di una notte di mezza estate, a tavola

Fibre pregiate filippine


La campagna di sensibilizzazione relativa al tema green investe ambiti eterogenei. Il fashion system, in particolare cerca strade nuove e inesplorate.
 
La moda, si sa spesso stupisce e non sempre in modo positivo, provocazioni e messaggi gridano in silenzio dalle passerelle di tutto il mondo. Una sfilata molto particolare ha avuto luogo a Roma, presso il Circolo Ufficiali della Marina, con un intento da ammirare: far conoscere e promuovere le fibre pregiate filippine. Di cosa si tratta? Una commistione tra foglie di banana, ananas e canapa, combinate per dare vita a una collezione bella e buona.

fibre_pregiate_fashionfiles
 
I tessuti eco-friendly, orgoglio delle Filippine, sono di gran pregio, tanto da trasformarsi, nelle mani esperte di designer quali Anthony Cruz Legarda, Dita Sandico-Ong, Renee Salud, Patis Tesoro, Jaki Peñalosa e Twinkle Ferraren, in creazioni d’alta moda e di pret a porter. Tessuti lucenti, belli e preziosi, dunque, ma non solo. Grazie alle proprietà intrinseche dei componenti gli abiti realizzati con le fibre pregiate sono resistenti e praticamente indistruttibili.
 
La sapiente lavorazione a mano, attraverso strumenti piuttosto rudimentali, rende possibile l’ottimizzazione delle risorse e la riduzione degli sprechi. Ad esempio nella confezione degli abiti si impiega la parte del tronco del banano, altrimenti tagliata e gettata via.
 
Molto simile alla seta, con la quale è spesso intessuta, la fibra della piña – estratta dallo stelo dell’ananas- trova il suo utilizzo ottimale nella confezione di abiti eleganti, poiché si presenta lucida e sottile. Molto interessante è la “banaca”, tessuto creato a partire dal banano e dall’ abaca. Quest’ultima, - estratta dallo stelo della canapa di Manila- è molto resistente, tre volte più del cotone. E trova impiego non solo nella moda ma anche nella creazione della carta, con un risparmio notevole del legno.


invia ad un amico