x
L'app di Fashion Files sarà disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Elisabetta Canalis in Intimissimi Ultralight with Cashmere

Un tuffo nel 1984 con al polso la Bioceramic Swatch

L’estate è più cool con SwatchPay!

Arriva la prima collezione IKEA streetwear

Angèle e i suoi occhi protagonisti in Chanel

Il fenomeno Primark conquista l’Italia

nuovo e suggestivo store Veralab nella Città Eterna

La rivoluzione di Swatch continua con BIOCERAMIC

Coco Chanel incontra Geronimo Stilton

La special collection Swatch che celebra l'arte del MoMA

‘Le Asimmetrie del Tempo’ di Accademia Koefia

It’s DETOX TIME

Amore è ...una romantica colazione a letto

Milano Fashion Week Women’s Collection

Manila Grace e la sua Poppy bag

Il tempo dell'amore di Alviero Martini

W&Q e le sedie di bamboo


“W&Q“ è un duo composto da Qiongjie Yu, graphic designer, e Siwen Huang, print and material designer. Le due ragazze cinesi focalizzano la ricerca nel campo dell’artigianato, reinterpretando la tecnica di tessitura tradizionale del bambù, reinventandola e combinandola con una gamma di colori inusuale e moderna, creando intricati pattern geometrici e tridimensionali.



Sedie dalla struttura minimale in acciaio o vecchi telai d’epoca si trasformano in colorati pezzi d’arredamento che sembrano quasi di pizzo, oggetti di design dal gusto spiccatamente femminile. Dietro l’idea estetica di grande impatto si cela una bella soluzione di progetto che prende ispirazione dall’antica tradizione della lavorazione del bamboo. Qiongjie Yu e Siwen Huang, si sono formate nelle migliori scuole di design londinesi e con queste sedie hanno sovrapposto più intuizioni creative e valorizzato l’uso di un materiale oltre che di un oggetto. Il mix è una collezione che nulla ha a che fare con il retaggio opaco del bamboo, ma che al contrario affida il materiale a nuove sperimentazioni.





invia ad un amico