x
L'app di Fashion Files sarà disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Elisabetta Canalis in Intimissimi Ultralight with Cashmere

Un tuffo nel 1984 con al polso la Bioceramic Swatch

L’estate è più cool con SwatchPay!

Arriva la prima collezione IKEA streetwear

Angèle e i suoi occhi protagonisti in Chanel

Il fenomeno Primark conquista l’Italia

nuovo e suggestivo store Veralab nella Città Eterna

La rivoluzione di Swatch continua con BIOCERAMIC

Coco Chanel incontra Geronimo Stilton

La special collection Swatch che celebra l'arte del MoMA

‘Le Asimmetrie del Tempo’ di Accademia Koefia

It’s DETOX TIME

Amore è ...una romantica colazione a letto

Milano Fashion Week Women’s Collection

Manila Grace e la sua Poppy bag

Il tempo dell'amore di Alviero Martini

Hai il look giusto?


Stefano Bongarzone, stilista e noto curatore d’immagine, attraverso un’accurata analisi personalizzata, trasforma il look di donne e dive, prendendosi cura dei capelli e del make up ed esaltandone la personalità.

Giocare sui tratti caratteristici delle persone, utilizzare tecniche innovative e trasformare un piccolo difetto in un pregio sono gli elementi distintivi della sua filosofia professionale. La redazione di Fashion Files ha avuto la possibilità di incontrarlo e di chiedergli come riesce ad individuare il look adatto a ciascuna di noi.

“Quando devo dedicarmi al trucco e ai capelli di unadonna, prendo in considerazione l’abbigliamento, le movenze, il comportamento e tutti quei dettagli che mi comunicano delle informazioni sulla sua personalità. Prima di passare alla fase operativa, ho bisogno di avere un dialogo con la cliente per cogliere quei tratti della sua identità utili a compiere una scelta. L’impatto emozionale è importante quantoquello tecnico. Le grandi trasformazioni hanno una tempistica lenta perché implicano la metabolizzazione del cambiamento. L’accettazione avviene quando si scopre l’equivalenza tra ciò che si è sceltoesteriormente e ciò che si ha dentro. Non trascuro la personalità delle fashion victim, nel caso specifico compio un lavoro al contrario: parto dal punto di vista esterno per aiutare la cliente a scoprire se stessa. Èimportante trovare l’armonia tra la forma del viso e quella del corpo. Perme non esistono il brutto e il bello ma la possibilità di sentirsi migliori. Icanoni della bellezza non sono uniformi, anche un viso paffuto puòessere estremamente bello e interessante. Consiglio alle donne diperdonare a se stesse i piccoli difetti.”



Foto di Matteo Tito.


invia ad un amico