x
L'app di Fashion Files sarÓ disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







SVR celebra lĺAvocado day

La rivoluzionaria Swatch what if collection

I primi orologi quadrati di Casa Swatch

Sogno di una notte di mezza estate, a tavola

Sfila "Me, Myself and I"

Rose&Tulipani in tavola

ItalianitÓ, colore e stile

L'Occitane celebra l'Earth Day

Con il Balsamo solidale alla Verbena

Ai Caraibi senza passaporto? Si pu˛

Alla scoperta di Guadalupa e Martinica

Angelina Jolie e Guerlain Women for Bees

Urban Vision racconta il cammino delle donne

Breil svela la nuova campagna 'the Passengers '

In forma prima e dopo i 50 anni

VERSACE ALCHEMY ED arriva la bella stagione

Va in scena la Milano Fashion Week

Arriva la capsule GUESS ECO

i Metiers d'Art Chanel sfilano a Dakar

La rivoluzione Urban Fitness

Hai il look giusto?


Stefano Bongarzone, stilista e noto curatore d’immagine, attraverso un’accurata analisi personalizzata, trasforma il look di donne e dive, prendendosi cura dei capelli e del make up ed esaltandone la personalità.

Giocare sui tratti caratteristici delle persone, utilizzare tecniche innovative e trasformare un piccolo difetto in un pregio sono gli elementi distintivi della sua filosofia professionale. La redazione di Fashion Files ha avuto la possibilità di incontrarlo e di chiedergli come riesce ad individuare il look adatto a ciascuna di noi.

“Quando devo dedicarmi al trucco e ai capelli di unadonna, prendo in considerazione l’abbigliamento, le movenze, il comportamento e tutti quei dettagli che mi comunicano delle informazioni sulla sua personalità. Prima di passare alla fase operativa, ho bisogno di avere un dialogo con la cliente per cogliere quei tratti della sua identità utili a compiere una scelta. L’impatto emozionale è importante quantoquello tecnico. Le grandi trasformazioni hanno una tempistica lenta perché implicano la metabolizzazione del cambiamento. L’accettazione avviene quando si scopre l’equivalenza tra ciò che si è sceltoesteriormente e ciò che si ha dentro. Non trascuro la personalità delle fashion victim, nel caso specifico compio un lavoro al contrario: parto dal punto di vista esterno per aiutare la cliente a scoprire se stessa. Èimportante trovare l’armonia tra la forma del viso e quella del corpo. Perme non esistono il brutto e il bello ma la possibilità di sentirsi migliori. Icanoni della bellezza non sono uniformi, anche un viso paffuto puòessere estremamente bello e interessante. Consiglio alle donne diperdonare a se stesse i piccoli difetti.”



Foto di Matteo Tito.


invia ad un amico