x
L'app di Fashion Files sarà disponibile a breve, compatibile sia su piattaforma IOS che Android.
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it







Elisabetta Canalis in Intimissimi Ultralight with Cashmere

Un tuffo nel 1984 con al polso la Bioceramic Swatch

L’estate è più cool con SwatchPay!

Arriva la prima collezione IKEA streetwear

Angèle e i suoi occhi protagonisti in Chanel

Il fenomeno Primark conquista l’Italia

nuovo e suggestivo store Veralab nella Città Eterna

La rivoluzione di Swatch continua con BIOCERAMIC

Coco Chanel incontra Geronimo Stilton

La special collection Swatch che celebra l'arte del MoMA

‘Le Asimmetrie del Tempo’ di Accademia Koefia

It’s DETOX TIME

Amore è ...una romantica colazione a letto

Milano Fashion Week Women’s Collection

Manila Grace e la sua Poppy bag

Il tempo dell'amore di Alviero Martini

Sergio Zambon e il panta-revival


Durate le recenti sfilate di Milano Sergio Zambon, talentuoso designer italiano ha presentato la sua visione personale del pyjama palazzo, tema per eccellenza della poetica di Irene Galitzine, principessa russa e fashion designer epocale tra gli anni '50 e  '70.



A quel tempo non c'era donna che non impazzisse per la sua invenzione fashion: Jacqueline Kennedy nel 1963 scriveva alla casaa bianca raccontando di come lei, Marella Agnelli e Lee Radziwill indossassero con estremo piacere quel capo così elegante e raffinato. Ma non fu l'unica donna glamour ad indossaro: incantevoli modelle per il pijama palazzo sono anche Audrey Hepburn, Marie Hélène de Rothschild, Wallis Simpson , Liz Taylor, Claudia Cardinale nel film d'esordio della serie "La pantera rosa e la Florinda Bolkan di "Metti una sera a cena".
Una sorta di "uniforme" che oggi rinasce proprio grazie all'estro creativo di Zambon: lo stilista 43enne ha disegnato una collezione dedicata all'accoppiata tunica e pantalone, andando fino all'essenza del pijama palazzo, traendone il segno più geometrico e concettuale, la dinamica libera e gioiosa, la sconcertante, trasversale e versatile modernità. "Di proposito - afferma Sergio Zambon - ho deciso di non guardare troppo all'archivio della Maison, ma di procedere per sensazioni e suggestioni autonome, rimeditando la forza e la leggerezza basilari del segno caratteristico di donna Irene."



invia ad un amico